Nel sud della Borgogna il nuovo centro benessere di Alberto Apostoli.

Lo studio italiano realizza una SPA all’interno di un’antica cripta posta nel centro storico della città di Macon.

La Location

Macon è un’elegante cittadina adagiata lungo le rive del fiume Saona; è la porta della Borgogna per chi arriva dal sud della Francia. Il suo centro storico è un dedalo di viottoli che si snodano attorno a nobili edifici storici e religiosi. Ed è proprio in una di queste stradine, a due passi dalla chiesa di St. Pierre, che è stata individuata la location ideale per il nuovo centro di estetica e benessere “Atrium – SPA & Beauté”.

La SPA

Disposta su due livelli, Atrium accoglie i suoi ospiti al piano terra, in un raffinato salone dallo stile “New-Barocco”; quest’area è dedicata ai trattamenti estetici per viso, mani e capelli.

Dalle scala in gres bianco effetto marmo, posta sul lato sinistro dell’edificio, si scende verso l’interrato, vero cuore del centro; un ambiente dall’atmosfera “magica”, medievale, che offre agli ospiti un’inaspettata sensazione mistica.

Nell’interrato la Proprietà ha voluto realizzare la zona più pregiata del centro benessere, nonostante le difficoltà tecniche e costruttive che lo spazio presentava.L’interrato si contraddistingue infatti per la sua copertura a volta ed è completamente realizzato in pietra.Esteticamente ricorda un’antica cripta ed è plausibile pensare che in passato abbia ricoperto proprio tale funzione, data la vicinanza della chiesa di St. Pierre.

L’altezza del volume è particolarmente limitata, fino ad arrivare a circa un metro e venti centimetri nel punto più basso. Considerata la mancanza di aperture significative, l’ambiente poneva grandi difficoltà tecniche e richiedeva particolari soluzioni progettuali per l’installazione dei necessari impianti di trattamento dell’aria; il tutto senza rovinare un’estetica così caratteristica.

La Proprietà ha quindi deciso di varcare i confini nazionali e di rivolgersi allo Studio Apostoli, società specializzata nella progettazione di SPA e centri benessere a livello internazionale. L’incontro è avvenuto a Parigi, in occasione di Equip’hotel, dove Apostoli era presente in veste di ambasciatore per l’Italia.

Il Concept

Mettere in risalto l’”esistente” dando forza espressiva al progetto.

L’idea progettuale proposta da Alberto Apostoli ha subito soddisfatto le aspettative della Committenza, riuscendo a combinare esigenze tecniche ed estetiche, grazie all’intuizione di amalgamare elementi impiantistici a elementi scenografici.

Il progetto è infatti caratterizzato da un lungo corridoio curvo che conduce verso la zona umida, da un lato, e verso le cabine trattamenti, dall’altro. Nel corridoio è stata ricavata una struttura che accoglie tutte le canalizzazioni e le nasconde dietro ad un telo-teso retroilluminato e contenente le bocchette di aerazione. Grazie ad un piccolo accorgimento grafico, le bocchette si fondono nel telo stesso fino a scomparire nel decoro che ricorda le vigne tipiche della città di Macon, famosa per il suo Chardonnay.

In tal modo si è evitato l’abituale posizionamento a soffitto delle bocchette che avrebbe ulteriormente ridotto l’altezza disponibile.

 

Zoning

L’area SPA occupa uno spazio di circa 270 metri quadri. La zona umida comprende una sauna finlandese e un bagno a vapore, quasi interamente vetrati; troviamo poi una zona idromassaggio con doccia emozionale e un’ area relax. Per l’area trattamenti sono state invece ricavate due cabine singole e una di coppia. Completa l’ambiente un piccolo angolo tisaneria il cui mobile sembra fluttuare nell’aria, grazie ad una illuminazione posta nella parte sottostante.

Luce e colori     

Grande attenzione è stata data al progetto illuminotecnico, fondamentale per risolvere le difficoltà legate ad un ambiente particolarmente angusto. L’illuminazione è quasi totalmente indiretta, ottenuta tramite strip led RGB, gestite da un sistema DALI e posizionate lungo il profilo della volta al fine di evidenziarne la curvatura. Per bilanciare il peso della pietra a vista e rendere l’ambiente più raffinato, Alberto Apostoli ha lavorato sui colori bianco, nero e inserendo alcuni dettagli oro.

Materiali e attrezzature

Lo Studio apostoli ha cercato di privilegiare prodotti italiani; ceramiche, mosaici, pitture e anche i lettini trattamenti sono tutti “made in Italy”. Alcuni oggetti sono stati realizzati su disegno come la grande lampada che riprende il logo del centro benessere, posizionata nella sala relax. Tutti i mobili sono customizzati, come i numerosi specchi e le grandi superfici vetrate, necessari a fare “respirare” l’ambiente.

Ricercato l’uso di un mosaico ellissoidale che accompagna gli ospiti verso la zona umida, fondendosi con alcuni tagli di gres fine porcellanato appositamente disegnati e messo in rilievo da alcuni punti luce a pavimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vista 3D dall’hammam

 

Schema impianto meccanico

 

 

lusso perduto: Il fascino degli hotel abbandonati

Fonte: cnn.com

Quando si tratta di edifici in rovina, è difficile da eguagliare la pregnanza di un hotel di lusso abbandonato.
Una volta erano luoghi in cui i “Signori” venivano a giocare o dove i meno fortunati provavano a sperimentare un fascino oltre i loro mezzi.
La loro caduta parla di sogni in frantumi, glorie scolorite e di una realtà economica che non perdona.
Tuttavia, proprio perché sembrano aggrapparsi a fantasmi di tempi più felici, rimangono affascinanti destinazioni, in particolare per i fotografi e gli appassionati che cercano di preservare i resti del loro prestigioso passato.

Il magico Castello di Sammezzano, in Toscana, è un classico esempio (www.sammezzano.org)
Il palazzo, del 17 ° secolo, raggiunse la maggiore età nel 1800, quando l’eccentrico nobile italiano Ferdinando Panciatichi Ximenes d’Aragona, dopo 40 anni di lavori, trasforma le sue camere in capolavori musivi, ispirati ai mondi arabi, indiani, persiani e spagnolo.
Nel 1970 è diventa hotel di lusso. Nel 1999, completo di aree benessere e campi da golf, è stato messo all’asta, ma non trova acquirenti interessati.

E ‘stato in vendita per tre volte negli ultimi anni, inizialmente per $ 40,4 milioni di dollari, poi, a scendere fino a $ 13.69 milioni di dollari. Oggi, rimane aperto pochi giorni all’anno per soddisfare i desideri di curiosi e fotografi.

Sammezzano non è da solo. Di seguito alcune immagini di alberghi lussuosi abbandonati ormai da tempo.

Hachijo Oriental Resort, Giappone.

Fallside Inn, Cascate del Niagara

Lee Plaza Hotel, Detroit

Sala da Ballo di un Antico hotel in Germania…

… e la sua Hall

Hotel abbandonati nel sud della Francia…

… e in Italia

Il Grand Hotel Breira, in Monzambico.

 

Illuminazione domestica: dal passato le nuove tendenze

L’imminente pausa estiva, oltre che momento per godersi il tanto agognato, nonché meritato, risposo, può essere l’occasione per rivedere l’interior design della nostra abitazione, anche attraverso qualche piccolo accorgimento che non preveda particolari stravolgimenti logistici e, soprattutto, che rientri in un budget ragionevole. Alcuni semplici aggiornamenti e accenti decorativi possono infatti avere un grande impatto [...]

World Architecture Festival: annunciata la Shortlist per il 2016

  Il World Architecture Festival è il più grande “raduno” internazionale di architetti e prevede conferenze ed esposizioni oltre ad un ambito premio. Quest’anno il festival si terrà per la prima volta a Berlino dal 16 al 18 novembre. Ieri,  la Segreteria Organizzativa del Festival ha comunicato i 15 progetti selezionati: C’è anche Zaha Hadid Architects [...]

Teheran: con la fine dell’embargo, rinasce l’architettura urbana

Per architetti ed esperti l’Iran è “agli albori di una nuova era per l’architettura”. Economia in espansione, cambiamenti negli stili di vita, una generazione emergente e investimenti i motori trainanti del cambiamento. Ma l’edilizia di qualità deve vincere la sfida con i costruttori che badano solo al tornaconto economico e con i limiti strutturali ancora [...]

Una banca del tempo per l’architettura

Fonte: Casa 24 Plus – di Paola Pierotti Si sta per concludere il semestre olandese alla presidenza dell’Unione Europea con un programma culturale incentrato sulle grandi sfide urbane. Fari puntati sullo sviluppo urbanistico, sul come invecchiare in salute, sull’economia sostenibile, l’agricoltura urbana, gli alloggi e gli spazi lavorativi accessibili, open data, coesione sociale e anche [...]