Architettura italiana da export

Fonte: www.ilsole24ore.com

Di Alessia Tripodi

 

Vincono prestigiosi premi internazionali di architettura e concorsi di progettazione, esportano il design made in Italy fino in Cina e puntano sulla riqualificazione urbana. Gli architetti italiani di punta godono di buona salute e, stando ai risultati raggiunti nell’ultimo anno, sono sempre più pronti a reinventarsi per sfidare la crisi, esplorando un mercato che, una volta scavalcata la dimensione interna ancora zoppicante, è globale e dove, dunque, l’internazionalizzazione è la parola d’ordine. Sono finiti i tempi in cui l’architettura italiana era rappresentata solo da Renzo Piano e Massimiliano Fuksas: oggi il design italiano da esportazione ha tanti volti, compresi quelli di under 40 e 50 noti in Europa e nel mondo.

Tra i progettisti di successo va certamente citato Fabrizio Barozzi, classe 1976, che con la Sala Filarmonica di Szczecin in Polonia – firmata con il collega Alberto Veiga, con il quale nel 2004 a Barcellona ha fondato lo studio Barozzi-Veiga– si è aggiudicato il Mies van der Rohe Award 2015, il prestigioso premio Ue per l’architettura contemporanea assegnato proprio a Barcellona nel maggio scorso. Nata da un concorso, la Filarmonica ospita una sala sinfonica per mille spettatori, una sala per musica da camera per 200 spettatori.

«Mi piacerebbe lavorare di più in Italia, ma tra concorsi che non funzionano, burocrazia e incertezze normative che creano ostacoli anche nella costruzione è sempre più difficile, perché di fatto c’è un sistema che non premia né il merito né la qualità» racconta Barozzi, che per ora torna in Italia solo per insegnare, come visiting professor allo Iuav di Venezia.

Nato a Rovereto, Barozzi è arrivato a Barcellona attraverso un Erasmus e nel 2013 ha vinto il premio «Giovane talento dell’architettura italiana» del Cnappc. Nello stesso anno il Cnappc nominava «Architetto dell’anno» lo studio dei milanese Piuarch, anche loro molto attivi all’estero: ricordiamo la vittoria nel 2014 del concorso per gli uffici di Idf Habitat a Champigny Sur Marne, alle porte di Parigi, mentre è di quest’anno il nuovo store Givenchy a Seul, in Corea. Tra i finalisti del Mies 2015 c’era anche la Cantina Antinori firmata dagli architetti fiorentini di Archea Associati, struttura completamente ipogea che affonda nelle colline toscane del Chianti. Un progetto noto nel mondo come un modello per le cantine vinicole e un design innovativo che Marco Casamonti ha portato anche in Cina, con due progetti recentemente realizzati: il Museo della Ceramica di Liling, che ha debuttato poche settimane fa, e l’International Grape Exhibition Garden, un parco del vino nato un concorso e inaugurato lo scorso anno a Yanqing. Il primo progetto – commissionato ad Archea da un importante imprenditore locale – è costato 80 milioni di euro e si presenta come un “grappolo” di edifici per un totale di 69mila mq. Ricalca invece le linee fluide della Cantina Antinori il Grape Garden di Yanqing, nato da un concorso internazionale a inviti bandito nel 2012 dal governo cinese e costato oltre 45 milioni di euro per 15mila mq costruiti. Tra gli italiani all’estero da non dimenticare, poi, Mario Cucinella, con il nuovo Policlinico universitario di Algeri e la libreria presidenziale Kwame Nkrumah in Ghana, solo per citare i progetti più recenti.

Ma non c’è solo chi parte. Con la vittoria nel giugno scorso del concorso internazionale per la Città della Scienza che sorgerà a Roma, di fronte al Maxxi, Paola Viganò, “fuggita” dall’Italia 15 anni fa per lavorare con Bernardo Secchi a progetti come la “Grande Parigi” o il parco di Anversa, torna nel nostro Paese. «Insieme allo studio 015 Viganò dedico questa vittoria a Secchi, perchè questo è il primo concorso che nasce dopo la sua morte» ha detto l’architetta, spiegando che «il manifesto» del progetto romano «è la sua fattibilità».

Sul fronte degli emergenti, per gli under 35 guidati da Pierpaolo Tonin, vincitori a luglio del bando di idee per riqualificare la centralissima Piazza della Scala a Milano, il concorso ha rappresentato un vero e proprio trampolino di lancio, così come quello per il Museo della Scienza di Napoli, vinto sempre a luglio dagli under 30 Valerio Ciotola e Andrea Guazzeri.

Non ultimo, se non in ordine cronologico, il premio Cappochin 2015, che ha “incoronato” progetti dedicati al paesaggio, mettendo sul podio, oltre al «El Valle Trenzado», dello spagnolo Francisco Leiva Ivorra, anche la riqualificazione urbana a Mestre degli italiani Paolo Miotto e Mauro Sarti, Archipiùdue.

 

Il timelapse del Museo Messner progettato da Zaha Hadid

Sono durati oltre quattro anni i lavori di costruzione del sesto MMM, il Messner Mountain Museum progettato dall’archistar Zaha Hadid e costruito a Plan de Corones.

Inaugurato a fine luglio, non è solo un’esposizione di oggetti e documenti che raccontano la storia dell’alpinismo dal punto di vista del “re degli ottomila”.

Dalle finestre panoramiche e dalla terrazza esterno si gode un panorama a 240 gradi, dalle Alpi dello Zillertal all’Ortles, fino alle Dolomiti. Nel filmato in “timelapse” gli scavi e la costruzione del museo riassunti in pochi minuti.

(di LEONARDO BIZZARO – Fonte: Repubblica.it)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal Brasile arriva l’housing sociale “smart”

Fonte: avvenire.it Il social housing in una prospettiva “smart”: arriva dal Brasile direttamente ad Expo Milano 2015 il primo progetto di “social smart city“. La nuova città intelligente è un’idea tutta italiana: la società Planet Idea ha creato il “format” e lo ha già applicato nell’insediamento di Croatà Laguna Ecopark, vicino a Fortaleza, che sarà [...]

Mosaico Digitale vince il Golden Award al Neocon 2015

Siamo lieti di celebrare il prestigioso successo ottenuto dall’amico Salvatore Pepe alla fiera di Chicago. Mosaico Digitale ha ottenuto il Golden Award nella categoria “Surfacing Materials” grazie al prodotto disegnato da Mac Stopa e Karim Rashid. Mosaico Digitale è il prodotto, ideato dal vulcanico Salvatore, che affianca alla tradizionale tecnica mosaicista un innovativo sistema basato [...]

LE SUITES A TEMA DI ALBERTO APOSTOLI PER CONSOLINI HOTELS

Dieci personaggi in cerca d’autore, sulle rive del lago di Garda Foto: Jairo Trimeloni    *** “Un esperimento divertente e ben riuscito di tematizzazione alberghiera”… così Apostoli sintetizza il progetto dedicato a 10 personaggi Italiani famosi a cui fanno riferimento le 10 suite ideate per la Consolini Hotels. I personaggi sono stati identificati dopo aver [...]

STRAWLAB living

La creazione di un’opera d’arte avviene per mezzo di un’incessante lavorazione di pensiero iniziale e seguita da una realizzazione del nuovo. L’arredamento su misura è frutto, come l’arte, di un percorso. Le case realizzate da STRAWLAB living compiono una lavorazione artistica anche sull’arredamento. Il concetto di base è la composizione di un’opera non riprodotta in [...]