progettazione architettonica

Guiyang Zhongshuge Bookstore: una libreria infinita

By 12 Luglio 2019 Settembre 18th, 2019 No Comments

Un negozio di libri che combina pace e tranquillità a meticolosi dettagli d’interior design: così lo studio cinese X+Living ha sconvolto il panorama architettonico con il suo progetto della libreria infinita.

Progettata all’interno di un centro commerciale di Guiyang, capitale della provincia di Guizhou, la libreria infinita Guiyang Zhongshuge Bookstore è diventata fin da subito portatrice di grandi valori culturali. Il suo ideatore, Li Xiang, è partito infatti dall’idea di sottolineare l’importanza della lettura cartacea, che da qualche anno è stata in parte sostituita da smartphone e accessori tecnologici.

Al suo interno si presenta come una caverna di tunnel infiniti, dove gli specchi si prestano a confondere i suoi visitatori, che avranno l’illusione ottica di perdersi.

Dalla superficie di 3,400 metri quadrati, la struttura include diverse sale studio intime e isolate. Vi è una piccola boutique dedita alla lettura, dallo stile più squadrato che raccoglie molte collezioni pregiate di libri. A seguire, una libreria per bambini impreziosita da un soffitto stellato e coloratissimo. Ma il pezzo forte è il corridoio, che sembra un tunnel che avvolge in maniera del tutto creativa il visitatore.

Se vi state chiedendo come siano disposti i libri, ecco la risposta. Le pareti e il soffitto sono coperte di mensole, dentro le cui fessure sono disposti i libri. Il pavimento specchiato, crea un’illusione ottica che trasforma il locale in un’installazione immersiva.

libreria infinita  libreria infinitalibreria infinita

Come in altre strutture Zhongshuges, Xiang ha abbracciato l’idea di giocare con l’esperienza all’interno della libreria infinita, questa volta grazie a una simil cascata d’acqua immaginaria di candelabri luminosi che, riflettendosi sul pavimento conferiscono un effetto caleidoscopico.

Se la principale idea del progetto era quella di far vivere ai visitatori e ai lettori un’esperienza innovativa, irripetibile e impossibile da sperimentare attraverso piattaforme tecnologiche, lo studio cinese ci è perfettamente riuscito.

Leave a Reply